Covid-19, prossimi alla cura?

“Riesce a inibire in vitro la replicazione di SARS-CoV-2.”

Così un gruppo di ricercatori australiani del Royal Melbourne Hospital e Monash University in merito a un farmaco comunemente usato per le infezioni parassitarie.

Lo studio è in via di pubblicazione su Antiviral Research, ma è già disponibile il manoscritto in open access.

“Un singolo trattamento di ivermectina (questo il nome del composto – NdR) in coltura cellulare può uccidere il virus in 48 ore.”

“L’ivermectina ha un profilo di sicurezza stabilito per utilizzo umano” ed è approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) americana.

Inoltre è ampiamente disponibile perché inclusa nella lista delle medicine essenziali stilata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

“Dai nostri primi risultati – spiega Kylie Wagstaff, coordinatore del gruppo di ricerca – il farmaco è meritevole di considerazione quale possibile antivirale per SARS-CoV-2.”

Il prossimo passo sarà di “determinare il corretto dosaggio sugli umani, con test preclinici e clinici da finanziare con urgenza.”

Lo studio

LeonCaly, Julian D.Druce, Mike G.Catton, David A.Jans, Kylie M.Wagstaff, “The FDA-approved Drug Ivermectin inhibits the replication of SARS-CoV-2 in vitro”, Antiviral Research, Available online 3 April 2020, 104787. In Press, Journal Pre-proof

Può interessarti anche  L'effetto antidepressivo della ketamina

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.