Svizzera, o l’uovo o la gallina

“A Bruxelles c’è shock e rabbia. In Svizzera, celebrazione e sollievo.
Ma anche grossi dubbi su cosa esattamente succederà ora”
(Sam Jones, Financial Times, 28/5/2021)

Spiace mettere un titolo così banale. Ma rispecchia la situazione. Certo, chi non vorrebbe stare con un piede dentro e uno fuori? A chi non farebbe comodo? Però l’ultimo atto del tira e molla che va avanti ormai da sette anni tra Svizzera e Unione Europea non ha portato i frutti che qualcuno sperava.

Per il Guardian, “chi ha trovato inaccettabili i termini di un possibile accordo sono stati gli svizzeri”. Termini che, tra l’altro, “erano meglio di quelli offerti a suo tempo al Regno Unito”. Agli svizzeri non sembra andare proprio giù la prospettiva del libero movimento con residenza e sicurezza sociale per i cittadini UE, sottolinea Euronews.

E adesso, a poche ore dal risultato portato a casa dai negoziatori, qualcuno si accorge che, va bene l’amor patrio, ma qui poi ci chiudono i rubinetti dei fondi per la ricerca!

Università e politecnici infatti – spiega la Radiotelevisione Svizzera Italiana (RSI) – sono seriamente preoccupati per le conseguenze, perché “sembra oramai inevitabile che le scuole elvetiche saranno escluse dai programmi di ricerca europei”.

Ieri Astrid Epiney, rettore dell’Università di Friburgo e rappresentante di Swissuniversities, ha parlato di “minaccia espressa più volte dalla Commissione Europea di escludere gli atenei elvetici da Horizon in caso di mancata sottoscrizione dell’accordo quadro”.

La “piazza elvetica” – dicono alla RSI – rischia di diventare meno attrattiva per i ricercatori perché perderebbe “l’accesso paritario alle grandi ricerche europee”. A Epiney, a questo punto, non resta che pregare il Consiglio Federale di “indicare come intende limitare i danni”.

Dalle pagine di Science Business Olivier Küttel, dell’Istituto Federale di Tecnologia di Losanna, prova a “ricordare all’Europa che non ci sarebbe un collegamento formale o legale tra la partecipazione svizzera a Horizon e il trattato tra Svizzera e Unione”.

D’altro canto, preoccupano anche gli Erasmus, “d’importanza centrale per il collegamento strategico delle scuole universitarie”. Quello che si teme è un generale indebolimento di competitività e quindi la “perdita della posizione internazionale nella ricerca”.

Secondo un recente rapporto (vedi Brainfactor del 30/10/2020), i cisalpini lo scorso anno si sono accaparrati dallo European Research Council (ERC) ben 34 Starting Grants, in coda solo a Germania, Gran Bretagna, Olanda e Francia. L’Italia? Al decimo posto, con 20 contributi, pur essendo paese membro a tutti gli effetti.

È vero, tutti vorrebbero solo vantaggi. L’uovo e la gallina insieme, appunto. Però è anche ora di decidere una volta per tutte se esserci o non esserci. Stop. Come ha fatto il Regno Unito, assumendosi sia gli onori che gli oneri della propria disambiguazione.

Foto di jorono da Pixabay

Be the first to comment on "Svizzera, o l’uovo o la gallina"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.