Scienze della vita, rivoluzione in corso

IncreaseMILANO – Alla Casa della Cultura di Milano, il 28 Febbraio, si discuterà della “rivoluzione in corso nelle scienze della vita”, in occasione della presentazione del nuovo libro di Francesco Bottaccioli dal titolo “Epigenetica e Psiconeuroendocrinoimmunologia” (Edra, Milano 2014). Fra i relatori, Franco Berrino e Gianluca Bocchi.

“Il libro – ci spiega l’Autore – ricostruisce in termini scientifici e filosofici le caratteristiche fondamentali della rivoluzione che sta avvenendo sotto i nostri occhi nelle basi della biologia molecolare (epigenetica) e della fisiopatologia (psiconeuroendocrinoimmunologia). Con la psiconeuroendocrinoimmunologia si ha il superamento della separazione tra cultura e natura, tramite la dimostrazione, basata su solide verifiche sperimentali, che la dimensione culturale comunica con la dimensione biologica e che entrambe si influenzano vicendevolmente. Con l’ epigenetica viene a spezzarsi l’ultimo diaframma che oscurava la via della conoscenza di questi fenomeni a livello molecolare: gli eventi mentali, consci e inconsci, si traducono in segnatura epigenetica che modula l’espressione genica di pattern di informazione cruciali per la normale attività dell’essere umano.”

“Da questa doppia rivoluzione nelle scienze della vita – prosegue Bottaccioli – emerge una visione complessa dell’individuo e dei microsistemi vitali, che spiega e interpreta in modo non riduzionista sia il livello dell’organismo sia quello del genoma. È il superamento di una visione semplificata e frammentata dell’essere umano, da tempo oggetto di critica, la quale fino ad ora è però rimasta al di qua della scienza. Oggi, proprio in virtù degli sviluppi della conoscenza scientifica e del paradigma sistemico che l’Autore applica a tali avanzamenti, è possibile superare la semplificazione del reale, riorientando la ricerca sull’essere umano e fondando su nuove basi la prevenzione e la cura.”

“A ben vedere – aggiunge l’Autore – stiamo assistendo a un forte riavvicinamento tra riflessione filosofica e ricerca scientifica. Infatti i progressi in filosofia sono stati realizzati da scienziati che, nel corso del Novecento, hanno scosso profondamente il paradigma meccanicista riduzionista. Prima, con i fisici-filosofi della rivoluzione relativistica e quantistica dei primi decenni, che hanno radicalmente messo in discussione il paradigma newtoniano e poi, sul finire del secolo, con una varietà di scienziati della vita – endocrinologi, neurologi, psicologi, fisiologi, immunologi, biologi – che hanno indagato le relazioni sistemiche all’interno dell’organismo umano, demolendo i pilastri del paradigma riduzionista meccanicista. Gli esiti di queste rivoluzioni sono la psiconeuroendocrinoimmunologia e l’epigenetica.”

“Con la Pnei – spiega Bottaccioli – si ha il limpido superamento della separazione tra cultura e natura, tra scienze delle spirito e scienze della natura, tramite la dimostrazione, basata su solide verifiche sperimentali e osservazionali, che la dimensione culturale comunica con e influenza la dimensione biologica, la quale, a sua volta, influenza la prima. Con l’epigenetica viene a spezzarsi l’ultimo diaframma che oscurava la via della conoscenza di questi fenomeni a livello molecolare: gli eventi mentali, consci e inconsci, si traducono in segnatura epigenetica che modula l’espressione genica di pattern di informazione cruciali per la normale attività dell’essere umano, tra cui l’assetto recettoriale cerebrale di ormoni fondamentali come il cortisolo e altri, fino alla produzione di molecole essenziali alla normale attività degli organi, cervello incluso. La segnatura epigenetica, soprattutto se interviene nelle prime fasi della vita, può influenzare stabilmente l’assetto biologico e comportamentale dell’adulto.”

Insomma, “da questa doppia rivoluzione nelle scienze della vita – conclude l’Autore – emerge una visione complessa sia dell’individuo sia dei microsistemi vitali. Di qui la definizione di un approccio che spiega e interpreta in modo non riduzionista sia il micro che il macro e che quindi interpreta in modo nuovo e scientificamente solido l’individuo umano.” Il 28 a Milano, insieme all’Autore, docente universitario in corsi di formazione postlaurea alle Università di Siena, L’Aquila e Lecce, discuteranno di questi temi Franco Berrino, Direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano e Gianluca Bocchi, Filosofo della Scienza dell’Università di Bergamo.

Il libro:

Francesco Bottaccioli, “Epigenetica e Psiconeuroendocrinoimmunologia”, Edra, Milano 2014

Be the first to comment on "Scienze della vita, rivoluzione in corso"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.