Psichiatri, Mencacci presidente

Psichiatri, Mencacci presidente.MILANO – Claudio Mencacci (nella foto BrainFactor), direttore del dipartimento di Neuroscienze dell’Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico, è il nuovo presidente della Società Italiana di Psichiatria. E’ stato eletto oggi all’unanimità dall’assemblea dei soci in chiusura del congresso di Milano.

“Sviluppare il concetto di salute mentale come opportunità di rinascita economica e sociale al centro del progetti futuri. Perché, non si esce dalla crisi senza una capacità delle persone di affrontare i problemi e di essere dei risolutori di problemi. Il contributo prezioso che la psichiatria può dare anche in questo campo è dimostrato dai fatti, perché dove i servizi di salute mentale sono stati potenziati, come in Svezia, Finlandia e Gran Bretagna, non solo non si sono verificati aumenti di suicidi, ma i paesi sono anche rinati economicamente prima di altri. Dobbiamo insomma sviluppare il concetto di salute mentale come opportunità di miglioramento anche del tessuto sociale. Anche per questo ci batteremo contro le nuove disposizioni di assistenza psichiatrica, che consideriamo regressive e pericolose per il futuro della medicina mentale”. Sono le parole del nuovo presidente degli pichiatri italiani Claudio Mencacci.

Insieme al prof. Mencacci è stato eletto anche Emilio Sacchetti, ordinario di Psichiatria all’Università di Brescia. L’elezione è avvenuta oggi al termine di 4 giorni di lavori congressuali con oltre 1200 delegati e iscritti, 300 tra simposi, poster e convegni, e in contemporanea con la Giornata Mondiale della salute mentale (World Mental Health Day). La Società Italiana di Psichiatria nasce nel 1873 come Società Freniatrica Italiana per adottare l’attuale nome nel 1932. Domani la chiusura dei lavori congressuali al Pirellone di Milano.

About the Author

Marco Mozzoni
Direttore Responsabile

Be the first to comment on "Psichiatri, Mencacci presidente"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.