Neurologia “digitale”, il bando SIN

ROMA – Riconoscere i progetti che attraverso le tecnologie digitali siano in grado di favorire l’accesso alle cure del paziente con patologie neurologiche. Questo lo scopo del nuovo premio indetto dalla Fondazione SIN – Società Italiana di Neurologia.

Dunque telemedicina, “wearables device” per l’iter diagnostico-terapeutico, applicazioni per prenotazioni online, sistemi di collaborazione tra le cliniche e quant’altro. Il tutto nell’ottica della “migliore gestione del paziente in era post-Covid”.

Non possono però partecipare persone fisiche o società individuali, perché il bando – diffuso in giornata con una nota stampa – è rivolto solo a società ed enti con almeno due anni di vita alle spalle. Due i premi in palio, del valore di 25.000 euro ciascuno.

“La SIN – ha dichiarato il presidente prof. Gioacchino Tedeschi – è da sempre impegnata nella ricerca di nuove soluzioni per una migliore qualità della vita dei pazienti: siamo lieti di sostenere iniziative che riescano a migliore l’accesso alle terapie, soprattutto in un periodo così complicato come quello che stiamo vivendo”.

Scadenza del bando, al quale si rimanda per ogni ulteriore informazione e per le modalità di partecipazione, il prossimo 23 novembre (fondazionesin@pec.it). Premiazione il 30, nel corso del congresso nazionale della fondazione, quest’anno tutto in modalità virtuale.

Foto di antonbe da Pixabay

Be the first to comment on "Neurologia “digitale”, il bando SIN"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.