Ipertensione, attenzione ai danni cognitivi

L’ipertensione interessa due terzi delle persone sopra i 60 anni, aumentandone il rischio di danni vascolari cognitivi e di Alzheimer. Lo dicono Ungvari e colleghi in una review Open Access pubblicata su Nature che si focalizza sulla patofisiologia di questa condizione.

L’ipertensione comprometterebbe l’integrità strutturale e funzionale della microcircolazione cerebrale, promuovendone la rarefazione, la disfunzione dell’endotelio cerebromicrovascolare, il disaccoppiamento neurovascolare che indebolisce l’afflusso di sangue al cervello.

In aggiunta, può disgregare la barriera ematoencefalica, stimolando la neuroinfiammazione ed esacerbando le patologie amiloidee.

I marcatori neuroradiologici della malattia dei piccoli vasi indotta da ipertensione includono iperintensità della sostanza bianca, infarti lacunari e micro emorragie, tutte condizioni associate a declino cognitivo.

“Disfunzione omeostatica multisfaccettata unita a un’alterata resilienza cellulare allo stress, l’invecchiamento può esacerbare l’effetto deleterio dell’ipertensione a livello cerebromicrovascolare”, spiegano i ricercatori.

In sostanza, “ipertensione e invecchiamento esercitano effetti sinergici negativi sul mantenimento della rete cerebromicrovascolare; l’ipertensione infine aggrava le patologie caratteristiche dell’Alzheimer”.

Lo studio:

Zoltan Ungvari, Peter Toth, Stefano Tarantini, Calin I. Prodan, Farzaneh Soro, Bela Merkely and Anna Csiszar, “Hypertension-induced cognitive impairment: from pathophysiology to public health”, Nature Reviews Nephrology (2021). https://doi.org/10.1038/s41581-021-00430-6

“KRT LIFE HEALTH-BLOOD-PRESSURE PG” by Fort George G. Meade is licensed under CC BY 2.0

Be the first to comment on "Ipertensione, attenzione ai danni cognitivi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.