Indipendenti: basta dare colpe, serve dignità

IncreaseMILANO – “Non si è raggiunto il quorum, domandiamoci il perché. Troppo facile, ancora una volta, dare la colpa agli altri, a quei 14.000 colleghi che non sono venuti a votare. Forse, più semplicemente, quegli iscritti non si sono sentiti rappresentati da chi è stato in Consiglio fino a oggi”. Lo ha dichiarato nel pomeriggio Ilaria Datta, candidata indipendente al Consiglio dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, da ieri in scacco matto.

“Mi sono candidata come indipendente – spiega la psicoterapeuta milanese – perché ritengo che il modo di far politica finora adottato dalle coalizioni all’interno dell’Ordine non corrisponda a pieno alle esigenze della professione di psicologo. La nostra professione per essere valorizzata, riconosciuta e ricercata, deve, per prima cosa, difendere la propria dignità. Per fare ciò non basta trincerarsi dietro le sentenze, è necessario farsi conoscere attraverso iniziative concrete sul territorio, servizi di psicologia funzionanti in ambito sanitario, l’introduzione di psicologi con una preparazione specifica in ambito scolastico, con la disposizione all’ascolto e alla ricerca di soluzioni congiunte nei confronti del secondo settore e altro ancora, in spirito di collaborazione con tutti gli altri professionisti seri”.

“Questo dato pesante – prosegue Ilaria Datta – sembra proprio dire che l’Ordine non ha fatto abbastanza per gli iscritti, per chi non si arrende e continua ad esercitare nonostante tutto. Non basta la realizzazione di progetti che coinvolgono pochi amici, offrendo scarse o nulle possibilità di passare dalla teoria alla pratica. E’ necessario in primo luogo aiutare lo psicologo che già lavora a difendersi dalle speculazioni e dalla precarietà, in secondo luogo scandagliare sul mercato nuove concrete possibilità lavorative e indicare con precisione e chiarezza quali sono le vie da percorrere per immettersi nei diversi settori”.

Sempre più interessanti questi “indipendenti”, che risultano l’unica vera novità di queste elezioni, insieme alla stragrande maggioranza dei loro colleghi che si è espressa chiaramente per cambiare radicalmente le cose…

Be the first to comment on "Indipendenti: basta dare colpe, serve dignità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.