Giovani, capro espiatorio della crisi degli adulti?

Giovani, capro espiatorio della crisi degli adulti?I giovani di 30 anni fa erano “migliori” di quelli di oggi? Secondo un sondaggio SWG sembra che sia ben il 61% degli Italiani a pensarlo, nutrendo una “sfiducia profonda verso i 18-24enni, che non possiedono le carte per fare la differenza”. Pesanti le accuse: i giovani sarebbero “incapaci di fare sacrifici, sempre meno impegnati sul fronte sociale, non sufficientemente preparati ad affrontare le sfide del presente e del futuro”.

Solo il 33% degli intervistati ritiene che i giovani di oggi abbiano “energie e risorse paragonabili a quelle di chi li ha preceduti”, percentuale calata fortemente dal 2003 (46%), con una prima diminuzione significativa registrata nel 2009 (35%). Gli italiani guardano poi “con nostalgia” alla generazione che li ha preceduti, ritenendo che fosse più felice e potesse godere di una maggiore qualità della vita: per l’83% degli intervistati infatti “si stava meglio in passato”, perché il lavoro era più sicuro (88%), il proprio ruolo economico e sociale poteva essere migliorato nel tempo (86%), la qualità della vita era maggiore (66%) e, in complesso, “si era più felici” (76%).

Secondo il vicepresidente di SWG Maurizio Pessato “le nuove generazioni stanno finendo sotto accusa come comodo capro espiatorio per il resto della popolazione. Basterebbe ricordare che i giovani non nascono dal nulla ma da qualcuno che li accudisce e ne segue la formazione e che la società in cui si ritrovano è conformata molto poco da loro. Il banco degli imputati dovrebbe essere molto più ampio di quello individuato…”

Il sondaggio è stato realizzato da SWG (www.swg.it) fra il 6 e il 9 marzo 2012, con interviste online con metodo CAWI, su un campione casuale probabilistico stratificato e di tipo panel ruotato, di 900 soggetti maggiorenni – su 2800 contatti complessivi – di età superiore ai 18 anni; il campione intervistato è estratto dal panel proprietario SWG; tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti da Istat. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza.Fonte: SWG 2012

 

 

Be the first to comment on "Giovani, capro espiatorio della crisi degli adulti?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.