Covid-19, misure di contenimento e criminalità

Come abbiamo avuto modo di sperimentare negli ultimi mesi, le politiche restrittive di lockdown e distanziamento sociale, messe in atto a partire da marzo 2020, hanno avuto forti ripercussioni sulla società, sia a livello sanitario che politico ed economico.

In particolare, sembrano aver avuto un impatto complesso sulla criminalità, come suggeriscono due studi dell’Università di Trento, condotti in collaborazione con l’Università di Miami in USA, l’Università Cattolica di Milano e il Joint Research Centre on Transnational Crime (Transcrime).

Il primo dei due studi ha analizzato, avvalendosi di un approccio bayesiano, l’andamento delle azioni criminali nella città di Los Angeles durante il mese di marzo 2020, al fine di osservare l’effetto immediato delle politiche di contenimento del contagio sull’andamento del tasso di criminalità cittadino.

I risultati hanno evidenziato una generale riduzione dei crimini commessi nel periodo rispetto ai tre anni precedenti. La tendenza riguarda in particolare rapine, furti e taccheggi (cosiddetti “crimini strumentali”), mentre non sembra esserci stata alcuna diminuzione di omicidi, violenze domestiche e furti di veicoli, che si caratterizzano per la natura violenta delle motivazioni di base (per questo motivo considerati “crimini espressivi”).

I crimini di cui si è registrata diminuzione sembrano infatti essere mossi dalla volontà di appropriarsi di un bene, piuttosto che dalla violenza in sé. Come è facile intuire, le misure di contenimento del contagio, quali l’obbligo di stare in casa, la chiusura dei negozi e l’aumento della sorveglianza cittadina, sembrano aver costituito un efficace deterrente per le azioni criminali motivate da tendenze appropriative.

In un secondo studio, volto ad approfondire i dati iniziali, i ricercatori hanno analizzato l’andamento di quattro categorie di crimini (rapine, furti con scasso, aggressioni e crimini connessi ad abuso di sostanze) nelle 77 comunità di Chicago, per mettere in luce eventuali differenze relative agli effetti delle politiche di contenimento nelle diverse aree cittadine.

I risultati hanno mostrato una notevole eterogeneità: solo in 10 comunità (12,98%) si è registrata una significativa riduzione di furti con scasso e rapine, mentre in 18 (23,37%) è stato rilevato un significativo calo di aggressioni. I crimini associabili all’abuso di sostanze stupefacenti, invece, hanno mostrato una forte riduzione in circa la metà delle comunità (35, pari al 45,54 per cento).

Rilevanti infine le correlazioni tra questi dati e le variabili sociodemografiche: come spiegano gli stessi autori dello studio, “le aree socialmente più problematiche sembrano aver beneficiato maggiormente delle politiche di contenimento in termini di riduzione della criminalità, mentre le comunità caratterizzate da un’alta disparità economica non hanno mostrato alcuna diminuzione dei crimini di tipo strumentale quali furti con scasso e rapine”.

Quest’ultimo dato, in particolare, sembra evidenziare come il divario economico e la deprivazione, ulteriormente acuiti dal contesto pandemico, costituiscano un importante motore alla base delle dinamiche criminali.

In sostanza, le politiche di contenimento del contagio hanno avuto (e, verosimilmente, hanno tutt’ora) effetti eterogenei e complessi, difficilmente riconducibili ad un’unica causa determinante.

Alla luce di queste analisi, i decisori potrebbero perfezionare i propri interventi prendendo in maggiore considerazione, tra gli altri parametri, i profili geografici e sociodemografici delle popolazioni interessate, con un occhio particolare alla salvaguardia delle fasce più deboli della società.

Clara Pizzolo

Reference

  1. Campedelli, G.M., Aziani, A. & Favarin, S. Exploring the Immediate Effects of COVID-19 Containment Policies on Crime: an Empirical Analysis of the Short-Term Aftermath in Los Angeles. Am J Crim Just (2020). https://doi.org/10.1007/s12103-020-09578-6
  2. Campedelli, G.M., Favarin, S., Aziani, A. et al. Disentangling community-level changes in crime trends during the COVID-19 pandemic in Chicago. Crime Sci 9, 21 (2020). https://doi.org/10.1186/s40163-020-00131-8

Photo by Maria Oswalt on Unsplash

Be the first to comment on "Covid-19, misure di contenimento e criminalità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish