Nuovi modelli economici, con cervello e creatività

Nuovi modelli economici, con cervello e creatività.I fattori tradizionali dello sviluppo economico lasceranno ben presto il passo a una economia basata principalmente su “cervelli e creatività”, cioè a una economia dei talenti. Sono le conclusioni a cui giunge il nuovo rapporto dell’IBM Institute for Business Value “Smarter cities for smarter growth”. {jcomments on}

La differenziazione competitiva farà sempre più leva sulla capacità della forza lavoro di creare e assorbire abilità e innovazione, che sui “driver” classici rappresentati da risorse naturali, lavoro fisico e capacità produttiva. I nuovi “fattori di crescita” da coltivare saranno infatti “attitudini, conoscenza, creatività, capacità di innovazione, in vista di una economia talent-based”.

Nodi chiave di questa trasformazione saranno… le città, veri e propri “hub” dell’economia globale, luoghi in cui si vanno concentrando le persone più qualificate, creative e intraprendenti provenienti da tutto il mondo. In un processo di nuova urbanizzazione si assisterà alla nascita di reti diversificate e altamente concentrate, nelle quali scorreranno i “bit” dei differenti pool di conoscenza e di creazione di sempre nuove conoscenze.

Per competere in questo nuovo ecosistema – si legge nel rapporto IBM – le città dovranno mettere a disposizione dei nuovi “cittadini” servizi sempre più competitivi, in modo da favorire e trattenere gli “skills”, la conoscenza e la creatività da questi generati.

Reference:

IBM Institute for Business Value, Smarter cities for smarter growth: How cities can optimize their systems for the talent-based economy, June 2010

Interview with Susanne Dirks, Manager of the IBM Institute for Business Values Global Center for Economic Development in Ireland

Può interessarti anche  Crescita popolazione preoccupa Royal Society

Be the first to comment on "Nuovi modelli economici, con cervello e creatività"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.