Giallo criminale al Premio di divulgazione scientifica

Giallo criminale al Premio di divulgazione scientifica.Sono 316, a oggi, le opere candidate al 1° Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, bandito dall’Associazione Italiana del Libro con il patrocinio del CNR. Fra queste anche il libro di Alessandra Gilardini, Marco Mozzoni, Lucio Tremolizzo “Giallo criminale e altre storie. I colori nelle neuroscienze” (Informant Editore, 2013). Verranno premiati gli autori che si saranno distinti per il carattere innovativo degli argomenti e l’efficacia e la chiarezza dell’esposizione.

Il premio è rivolto a docenti universitari, ricercatori, giornalisti e autori italiani con l’intento di affermare la centralità della ricerca e dell’informazione scientifica per il progresso della società, valorizzare il capitale di conoscenze scientifiche che l’Italia possiede, dare visibilità al talento di docenti, scienziati, ricercatori e professionisti italiani della comunicazione e dell’informazione nel campo della divulgazione scientifica, ampliare il dialogo del mondo della ricerca e dell’Università con la società, creando una cultura diffusa dell’innovazione e del sapere, favorire nei giovani l’interesse per la cultura scientifica.

Queste le aree tematiche individuate: Scienze matematiche, fisiche e naturali; Scienze del territorio e dell’ambiente; Scienze della salute; Scienze giuridiche ed economiche; Scienze umanistiche, sociali e della formazione. Alcuni particolari riconoscimenti saranno assegnati nell’ambito del Premio a autori di opere brevi (articoli, saggi, contributi), giovani autori (under 35 anni), editori di opere di divulgazione scientifica. Al premio concorrono le opere pubblicate nel 2012 e nel 2013.

Il termine di presentazione del 31 luglio è stato proprogato “in conseguenza dell’alto numero di candidature, molte delle quali si stanno concentrando in questi ultimi giorni creando un vero e proprio surplus organizzativo nel lavoro di segreteria, e vista la necessità di assicurare la partecipazione a tutti, il consiglio direttivo dell’Associazione ha fissato per i partecipanti che non sono riusciti ancora a proporre la propria candidatura un’elasticità di quindici giorni, con una scadenza improrogabile al 15 agosto 2013”, spiegano gli organizzatori del premio.

Ampiamente il mondo dell’università e della ricerca nel comitato scientifico e nella giuria che deciderà i vincitori di questa prima edizione. Fra loro: Prof. Mario Alberghina, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Catania; Prof. Giuseppe Boccignone, Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Milano; Prof. Eugenio Brusa, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale, Politecnico di Torino; Prof. Oreste Calliano, Dipartimento di Management, Università degli Studi di Torino; Prof. Domenico Campisi, Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa, Università degli Studi di Roma Tor Vergata; Prof. Salvatore Carrubba, Libera Università di Lingue e Comunicazione; Prof. Umberto CERRUTI, Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Torino; Prof. Riccardo Faccini, Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Roma La Sapienza; Prof. Andrea Ferrara, Cosmologia, Scuola Normale Superiore; Dr. Marco Ferrazzoli, Capo Ufficio Stampa del CNR; Prof. Elisa Frauenfelder, Pedagogia generale e sociale, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa; Prof. Antonio Maria Leozappa, Facoltà di Economia, Università del Salento; Prof. Marco Lombardi, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa (Napoli); Prof. Maria Immacolata Macioti, Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche, Università degli Studi di Roma La Sapienza; Prof. Dante Maffia, presidente onorario dell’Associazione Italiana del Libro; Ing. Carlo Manna, Responsabile Studi e Strategie dell’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile); Prof. Luciano Modica, Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze; Prof. Maurizio Oddo, Facoltà di Architettura, Università degli Studi di Enna Kore; Prof. Marco Ottaiano, Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati, Università degli Studi di Napoli L’Orientale; Prof. Massimiliano Pieraccini, Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Università degli Studi di Firenze; Prof. Agostino Portera, Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia, Centro Studi Interculturali, Università degli Studi di Verona; Prof. Sandro Rogari, Facoltà di Scienze Politiche, Università degli Studi di Firenze; Prof. Massimiliano Savorra, Storia dell’Architettura, Università degli Studi del Molise; Prof. Franco Taggi, già Dirigente di Ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss); Dr. Sesto Viticoli, vice presidente dell’Associazione Italiana per la Ricerca Industriale (Airi); Dr. Amedeo Amadei, Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica, Università degli Studi di Firenze; Prof. Claudio Bonivento, Dipartimento dell’energia elettrica e dell’informazione “Guglielmo Marconi”, Università degli Studi di Bologna; Prof. Orazio Carpenzano, Dipartimento di Architettura e Progetto, Università degli Studi di Roma La Sapienza; Prof. Rosa Cera, Dipartimento di Studi Umanistici, Università degli Studi di Foggia; Prof. Bice Della Piana, Dipartimento di Management & Information Technology, Università degli Studi di Salerno; Prof. Marcello Donati, Dipartimento di Chirurgia, Università degli Studi di Catania; Prof. Angelo d’Orsi, Dipartimento di Studi storici, Università degli Studi di Torino; Prof. Francesco Felici, Fisiologia umana, IUSM – Università degli Studi di Roma Foro Italico; Prof. Marisa Martinez Persico, Lingua e letteratura spagnola, Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma; Prof. Antonio Miceli, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Università del Salento di Lecce; Dr. Giuseppe Morello, Dipartimento di Scienze agrarie e forestali, Università degli Studi di Palermo; Dr. Gigliola Novali, Biblioteca della Scuola di Scienze sociali, Università degli Studi di Genova; Dr. Valeria Palumbo; Dr. Maria Beatrice Passani, Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino, Università degli Studi di Firenze; Prof. Arianna Rotondo, Dipartimento di Scienze umanistiche, Università degli Studi di Catania; Dr. Elisabetta Rovida, Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche, Università degli Studi di Firenze; Prof. Antonella Russo, Dipartimento di Scienze Bio-mediche, Università degli Studi di Catania; Prof. Sonia Saporiti, German Studies and Literature, Università degli Studi del Molise;Prof. Paolo Scarpi, Dipartimento di Scienze del Mondo Antico, Università degli Studi di Padova; Prof. Giovanna Serenelli, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi di Perugia; Prof. Andrea Ungari, Relazioni Internazionali, LUISS – Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma; Prof. Gabriella Valera, Storia e Critica della Storiografia, Università degli Studi di Trieste; Prof. Anna Lucia Valvo, Ordinario di diritto dell’Unione europea, Università degli Studi Internazionali di Roma; Dr. Silvano Vergura, Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Bari; Prof. Antonio Viscomi, Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali, Università degli Studi Magna Græcia di Catanzaro.

Einstein

Be the first to comment on "Giallo criminale al Premio di divulgazione scientifica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.