Cervello e libero arbitrio: questione di secondi?

Cervello e libero arbitrio: questione di secondi?“Pillola rossa o pillola blu”? Nel primo atto della trilogia di Matrix, al protagonista Neo (magistralmente interpretato da Keanu Reeves – nella foto) non piace l’idea di non poter gestire la propria vita. Spinto dalla curiosità di conoscere la verità sul mondo reale, si trova a dover fare una scelta: scoprire cosa sia Matrix (pillola rossa) o continuare a non sapere (pillola blu). La capacità di Neo di credere nel libero arbitrio ha influito sul modo in cui il suo cervello ha pianificato l’azione.

La dimostrazione di come questo accada è stata studiata da Davide Rigoni e colleghi dell’Università di Padova, in collaborazione con l’Università di Gent, in pubblicazione sulla rivista della Association for Psychological Science.

Il libero arbitrio esiste davvero? Ciascuno di noi forse ha provato personalmente che si ha una maggiore forza e consapevolezza di sé quando si pensa di poter scegliere e agire secondo il nostro volere. È dimostrato che, prima di attivare un movimento volontario, il cervello genera una corrente elettrica (potenziale di disponibilità) suddivisa in una parte di preparazione al movimento, che anticipa di due secondi la seconda parte, detta di esecuzione.

Insieme a Marcel Brass e Simone Kuhn della University of Gent e Giuseppe Sartori dell’Università di Padova, Davide Rigoni ha ipotizzato che l’inibizione del libero arbitrio sarebbe riuscita a modificare il corso di quei due secondi. 

I partecipanti all’esperimento sono stati divisi in due gruppi, a cui rispettivamente è stato chiesto di leggere un testo di argomento generale o un passo del libro The Astonishing Hypothesis di Francis Crick, con possibili effetti negativi sul concetto di libera scelta (citazione in referenze [3]).

Al termine delle letture, un test di misurazione del determinismo ha valutato la percezione del libero arbitrio da parte di tutti i soggetti. Successivamente, mentre l’attività cerebrale veniva registrata con l’elettroencefalogramma (EEG), i gruppi hanno svolto una variante dell’esercizio dell’orologio di Libet: osservare un cursore libero di muoversi all’interno di un quadrante, dichiarare quando si vuole fermare il cursore nella posizione scelta arbitrariamente e cliccare il pulsante di stop.

L’EEG ha dimostrato che nei soggetti che dichiarano di non credere nel libero arbitrio il segnale del cervello nella preparazione del movimento risulta più debole, la sua durata si accorcia come se l’azione si riducesse a un gesto svolto sotto un comando esterno. Questo effetto è evidente più di un secondo prima che i partecipanti prendano coscienza di voler agire sul cursore, dimostrando che l’esercizio influenza la parte inconscia della pianificazione di un movimento.

Questo studio aggiunge un tassello nello studio del comportamento umano nel suo lato irresponsabile e antisociale, dove in effetti ogni azione sembra più veloce e slegata al senso di appartenenza alla società di quando ci si mette la testa.

Concludo lasciando ai lettori una riflessione che forse può suonare bizzarra. E’ per questo che l’Amleto di Shakespeare dura così tanto? Autore e personaggio erano consapevoli della loro libertà di scelta? Forse questo era davvero il problema…

Reference:

  1. Rigoni D et al., Inducing Disbelief in Free Will Alters Brain Correlates of Preconscious Motor Preparation: The Brain Minds Whether We Believe in Free Will or Not , Psycological Science, 2011
  2. The Matrix (1999), regia di Larry and Andy Wachowski, con Keanu Reeves e Laurence Fishburne
  3. Francis Crick (1995), Astonishing Hypothesis: The Scientific Search for the Soul, Scribner Book Company. Citazione letta durante l’esperimento: “Le vostre gioie e i vostri dolori, i vostri ricordi e le vostre ambizioni, il vostro senso di identità personale e il libero arbitrio, sono in realtà soltanto il risultato dell’azione di un vasto insieme di cellule nervose e loro annesse molecole”…

Alessandra Gilardini 
Biologa, PhD in Neuroscienze

Be the first to comment on "Cervello e libero arbitrio: questione di secondi?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.