Oligopolio scientifico: più del 50% delle pubblicazioni in mano a 5 aziende

Reed-Elsevier, Springer, Wiley-Blackwell, Taylor & Francis, Sage. Sono questi i nomi delle cinque aziende che controllano più del 50% del mercato dell’editoria scientifica, secondo uno studio dell’Università di Montreal pubblicato ieri su Plos One.

Considerate le fusioni e le acquisizioni, i dati mostrano una crescita vorticosa della quota di mercato dei principali editori, passata in un decennio dal 30% del 1996 al 50% del 2006, con margini di profitto che oggi si aggirano intorno al 40% delle vendite, come denuncia il Professor Vincent Larivière, primo autore del paper.

“La comunità scientifica – dice il ricercatore canadese – ha iniziato a protestare contro le pratiche commerciali aggressive dei grossi editori organizzando iniziative tipo Cost of Knowledge, che incoraggia i ricercatori a rifiutarsi pubblicamente di dare il proprio contributo come autori, editor, peer reviewer alle riviste di Elsevier; per non parlare delle tante università che hanno interrotto i rapporti con queste aziende, cancellando gli abbonamenti e minacciando in alcuni casi di boicottarle”.

Purtroppo, aggiunge con una certa amarezza Larivière, “fino a quando la pubblicazione su riviste con un elevato impact factor sarà necessaria per fare avanzamenti di carriera, ottenere fondi per la ricerca e riconoscimento da parte dei colleghi, queste aziende commerciali continueranno a mantenere la loro presa sul sistema dell’editoria accademica”.

Reference: Vincent Larivière, Stefanie Haustein, and Philippe Mongeon, “The oligopoly of academic publishers in the digital era”, PLOS ONE, June 10, 2015.

Image credits: Shutterstock 

Be the first to comment on "Oligopolio scientifico: più del 50% delle pubblicazioni in mano a 5 aziende"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*