Demenza: stimolazione cognitiva funziona

Demenza: stimolazione cognitiva funziona.Una recentissima review, pubblicata in The Cochrane Library, ha concluso che le terapie di stimolazione cognitiva possono avere effetti benefici sulla memoria e sul pensiero in soggetti affetti da demenza. La rassegna ha incluso 15 studi randomizzati controllati che hanno coinvolto 718 persone con demenza da lieve a moderata, soprattutto in forma derivante da malattia di Alzheimer o demenza vascolare.

I partecipanti sono stati trattati in piccoli gruppi e coinvolti in diverse attività, dalle discussioni e giochi di parole alla musica e persino alla cottura dei cibi. Tutte le attività erano state progettate per stimolare il pensiero e la memoria. I miglioramenti sono stati poi confrontati con quelli osservati in assenza di trattamento e con trattamenti standard, intendendo per questi l’approccio medico, l’assistenza diurna, le visite da parte dei cosiddetti “operatori di salute mentale” e, in alcuni casi, attività alternative, quali guardare la TV e terapie fisiche.

I risultati più sorprendenti di questa rassegna sono quelli degli effetti positivi derivanti dalla stimolazione cognitiva sulla performance nell’esecuzione dei test: si è infatti osservato come coloro che avevano ricevuto interventi di stimolazione cognitiva mostravano punteggi significativamente più elevati nei test che misurano il miglioramento della memoria e del pensiero. Questi benefici, inoltre, sono stati mantenuti anche da uno a tre mesi dopo il trattamento.

Bob Woods, del Dementia Services Development Centre Wales, presso la Bangor University in Bangor – Regno Unito, e i suoi collaboratori  hanno inoltre sottolineato che il coinvolgimento dei caregiver o dei membri della famiglia, appositamente formati per offrire un’appropriata stimolazione cognitiva, può portare a interessanti sviluppi, meritevoli di ulteriore attenzione, e hanno concluso che “questi risultati provano il ruolo degli interventi psicologici nelle persone affette da demenza”.

È il caso di ricordare che nel 2011 il World Alzheimer’s Report ha raccomandato che la stimolazione cognitiva dovrebbe essere offerta di routine a persone affette da demenza precoce, partendo dalla considerazione, suffragata da questo studio, che la stimolazione cognitiva, con attività volte a stimolare il pensiero, la memoria e l’interazione sociale, ritarda nelle persone con demenza il peggioramento dei sintomi della demenza stessa.

Reference:

Woods B, Aguirre E, Spector AE, Orrell M. Can cognitive stimulation benefit people with dementia? Cochrane Summaries. Published Online: February 15, 2012 – http://summaries.cochrane.org/CD005562/can-cognitive-stimulation-benefit-people-with-dementia

Tiziano Cornegliani

Be the first to comment on "Demenza: stimolazione cognitiva funziona"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.