Cervello e neurogenesi, nuove scoperte alla Johns Hopkins

neurogenesiOgni giorno nuove cellule vengono prodotte dal cervello, anche se i fattori che controllano la neurogenesi sono ancora poco conosciuti. Secondo i ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine, la nascita di nuove cellule, condizionata dall’attività cerebrale, dipenderebbe anche da una proteina coinvolta nei processi di modifica dei tratti epigenetici cellulari, come si legge nella nota stampa diffusa dall’università. Le nuove scoperte della Johns Hopkins sono pubblicate su Science (Hongjun Song et al. Neuronal Activity–Induced Gadd45b Promotes Epigenetic DNA Demethylation and Adult Neurogenesis, Science, Jan 2009).

Non è noto come l’attivazione transitoria di neuroni maturi conduca a una modulazione permanente della neurogenesi adulta. Un cambiamento cellulare i cui effetti durano nel tempo è rappresentato dal cambiamento epigenetico, che può alterare il DNA di una cellula senza modificarne la sequenza, ma cambiando l’attivazione e l’inattivazione dei geni.

Facendo dei test su topi geneticamente modificati e stimolati con terapia elettroconvulsiva, i topi con delezione del Gadd45b presentavano deficit specifici nella proliferazione neuronale indotta di progenitori neuronali e nello sviluppo dendritico all’interno dell’ippocampo. Infatti, mentre nei cervelli dei topi normali si osservava dopo la stimolazione una crescita del 140% del numero di cellule, nei topi privati del gene Gadd45b la crescita era del 40%.

Il gene Gadd45b collega l’attività dei circuiti neuronali alla modificazione epigenetica del DNA e all’espressione di fattori secreti all’interno di neuroni maturi per la modulazione estrinseca della neurogenesi nel cervello adulto.

Be the first to comment on "Cervello e neurogenesi, nuove scoperte alla Johns Hopkins"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.